Manipolazione di semi femminizzati

Manipolazione di semi femminizzati - 5 pratiche di cura delle piante da sapere

Manipolazione di semi femminizzati - L'uso di ceppi femminizzati rappresenta un progresso significativo quando si tratta di sviluppare prodotti a base di cannabidiolo (CBD). Dopo essere apparsi sul mercato per oltre un decennio fa, hanno cambiato il modo in cui si gioca il gioco in crescita.

La genetica di femminilizzata I semi di CBD consentono di calcolare le dimensioni delle colture per ottenere numeri esatti con condizioni di crescita fisse. Con l'ulteriore garanzia che si trasformano in piante femminili, il processo di sessuatura lo rende più abbondante per i coltivatori che desiderano investire in un investimento stabile e redditizio.

Approfittando della corretta cura delle piante

Il potenziale per un alto margine del raccolto è un compromesso in cui eccellono i semi femminizzati. Come con qualsiasi specie di pianta, hanno le loro peculiarità e richieste quando si tratta del modo migliore per coltivarle.

In questo articolo condivideremo con te cinque linee guida fondamentali per la coltivazione di semi di cannabis femminizzati:

1. Controlla la tua pazienza

Un errore comune è prestare troppa attenzione alla cura delle tue piante di cannabis. Un proprietario desideroso spesso fa di tutto per accelerare il processo di crescita, che in realtà è una pratica che è dannosa per le piante in crescita.

L'eccesso di cibo e l'eccesso di acqua portano allo stress delle piante, che può arrestare la loro crescita o portare alla loro morte. Ricorda sempre di essere un proprietario paziente ma attento quando si tratta di coltivare le tue piante.

2. Mantenere equilibrati i livelli di irrigazione

Una parte della cura eccessiva è l'introduzione di frequenti annaffiature delle piante. Questa pratica può farli affogare perché le piante di marijuana hanno bisogno di tempo per fare una pausa tra le sessioni di irrigazione.

L'immondizia, d'altra parte, soffoca le tue piante se vengono lasciate asciugare in condizioni umide. Il loro stadio di crescita è la parte più critica del loro ciclo e, se non ricevono abbastanza acqua, avranno difetti alle radici man mano che invecchiano. È essenziale mantenere un equilibrio sull'irrigazione per evitare di fare troppo poco o troppo per la loro cura.

3. Gestire la spaziatura

Le piante di cannabis possono crescere rapidamente e, diversamente dalle piante comuni, richiedono una notevole quantità di spazio per riprodursi una volta terminato il loro stato vegetativo. È necessaria una spaziatura corretta in modo che la densità del raccolto non sia troppo elevata tra le piante. Tieni presente che il sovraffollamento può portare all'aerazione, che è una delle principali cause di crescita fungina.

4. Avere abbastanza azoto

A differenza della tua pianta da fiore di tutti i giorni, le piante di cannabis richiedono azoto sufficiente per crescere. Assicurati di avere a disposizione un serbatoio di azoto per alimentare regolarmente le tue piante. Sebbene sia più facile acquistare alla rinfusa, potrebbe essere meglio avere alcuni contenitori ricaricabili più piccoli invece di una linea principale poiché eventuali perdite e danni al sistema potrebbero interrompere il processo di alimentazione a tempo indeterminato.

5. Prevenire i parassiti dannosi

Una delle infestazioni più comuni alle piante di cannabis sono acari di ragno, mosche bianche e tripidi. Non solo ostacolano la crescita dei raccolti, ma provocano anche danni permanenti. La migliore linea d'azione nella gestione del passato è la prevenzione.

Se stai gestendo un giardino all'aperto, le tue piante potrebbero essere più inclini a questi parassiti, anche se li tieni in una serra. I coltivatori indoor potrebbero avere meno problemi con gli acari, ma la crescita di funghi indoor può causare danni considerevoli alle colture se non viene controllata. Assicurati di usare repellenti organici in modo da evitare la diffusione e l'invasione di queste entità parassitarie nelle tue colture. Puoi anche usare oli essenziali aromatici, come la menta piperita e l'olio di chiodi di garofano per proteggere le tue piante di cannabis dai parassiti comuni.

Conclusione

Se sei un novizio nella coltivazione di semi femminizzati, puoi essere incline a commettere errori da principiante nel maneggiarli. Un modo efficace per farlo bene al primo tentativo è quello di tenersi informato e attento su come prendersi cura delle proprie piante, ad esempio seguendo le pratiche di cura delle piante sopra riportate.

Fai crescere il tuo primo lotto di successo ordinando il meglio Semi di CBD nel Regno Unito attraverso il nostro sito Web presso Coffee Shop Seeds oggi!

We & #039; re Social - Diffondi l'amore