sapere se i semi di cannabis sono buoni o cattivi

Coltivazione di cannabis - Sapere se i tuoi semi sono buoni o cattivi - Guida

Se sei un coltivatore di cannabis alle prime armi, c'è un'abilità cruciale che devi sviluppare: la capacità di sapere se i tuoi semi di cannabis sono buoni o cattivi. Per garantire un buon raccolto, vuoi iniziare con semi che non siano danneggiati. Non hai bisogno di strumenti speciali per farlo: alla fine, i tuoi sensi sono sufficienti. Vedere, sentire, gustare e annusare i tuoi semi ti aiuterà a determinare se sono adatti alla crescita. I Dud, o quelli con bassi tassi di germinazione, rimarranno permanentemente inattivi.

Ecco alcuni test che puoi eseguire per determinare l'efficacia dei tuoi semi di cannabis:

Test di Sight

Una lente d'ingrandimento ti renderà facile distinguere semi buoni e semi cattivi. Cerca i semi grandi e grassi con una forma arrotondata. Più sono spessi e più rotondi, maggiori sono le possibilità che germogli.

Presta attenzione al loro colore. I semi pallidi che sembrano polverosi provengono probabilmente da un vecchio lotto e impiegheranno più tempo a germogliare. I semi leggeri o bianchi sono immaturi e difficilmente germoglieranno. I migliori semi sono scuri e lucidi. Il guscio scuro significa che i semi provengono da erba di buona qualità. Se sono sospettosamente oscuri fino al limite del violaceo, tuttavia, c'è una possibilità che siano tinti.

I semi di cannabis sani hanno strisce chiare o macchie marroni. Questi segni sembrano lampi o strisce di tigre con motivi di colore unici.

Se vedi un po 'di polvere bianca sul nascere, fai attenzione ai funghi. Ciò indica che i semi sono stati sottoposti a troppa umidità perché sono stati confezionati prematuramente.

Dopo aver valutato la forma e il colore, devi guardare all'interno del seme. Quando apri un seme, verifica se è oleoso o ammuffito, ciò significa che sta andando male. Se il colore è nero, significa che non sarà in grado di germinare. Infine, schiaccia il seme di cannabis tra le mani e annusalo. Se ha un profumo salato, non è arrossato. Vuoi gemme arrossate perché significa che le radici assorbiranno il sale e i nutrienti di cui hanno bisogno per germogliare.

Test al tocco

Per verificare la presenza di semi di cannabis sani al tatto, prendine uno e strizzalo delicatamente. Se si schiaccia facilmente, non è un seme ideale. Prendi nota di come ti senti in mano. Non dovresti essere in grado di rilevare crepe, buchi o pieghe.

Test galleggianti

Ecco un altro modo per separare i semi freschi dai cattivi: i semi di buona qualità sono abbastanza pesanti da affondare. Prova a metterli in una tazza di acqua distillata calda. Aspetta due ore. Quelli che galleggiano sono prematuri e non germoglieranno bene.

Test di impianto

Se non sei ancora sicuro che il tuo lotto di semi produca o meno una buona resa, prova a piantarli e vedere se crescono. Alla temperatura ideale di 75 gradi, entro sei giorni dovrebbero germogliare semi sani. Puoi anche provare il metodo del tovagliolo di carta. Metti i semi in un tovagliolo di carta umido. Assicurarsi che l'umidità sia alta e osservare per due giorni.

Mettere alla prova il tuo lotto di semi è fondamentale per sapere se otterrai una buona resa.

Se stai cercando rq, cannabis o semi di CBD, mettiti in contatto con Coffee Shop Seeds per vedere come possiamo aiutarti!

We & #039; re Social - Diffondi l'amore